Lavoratori non vedenti: un nuovo beneficio inserito nel sistema contributivo

Lavoratori non vedenti: un nuovo beneficio inserito nel sistema contributivo

La legge di bilancio 2017 ha introdotto un nuovo beneficio per i lavoratori non vedenti: si tratta di un riconoscimento economico della maggiorazione di 4 mesi anche nel sistema contributivo che corrisponde - in sostanza all'attribuzione di un coefficiente di trasfor-mazione più elevato, nel limite del 70° anno di età con adeguamenti agli incrementi della speranza di vita. Tale meccanismo si applica partendo dall'età dell'interessato alla data di decorrenza della pensione.

Sono destinatari di questo beneficio i lavoratori dipendenti: colpiti da cecità assoluta o con un residuo visivo non superiore ad 1/10 in entrambi gli occhi con eventuale correzione; ciechi invalidi per servizio; ciechi invalidi del lavoro; ciechi di guerra. La novità riguarda tutti i trattamenti pensionistici con decorrenza successiva al 1° gennaio 2017. In questo caso, il riconoscimento di tale beneficio è subordinato alla presentazione di apposita richiesta.

Il beneficio non si applica alle pensioni di reversibilità provenienti da una pensione diretta con decorrenza antecedente il 1° gennaio 2017. Non è possibile chiedere la ricostituzione/riliquidazione delle prestazioni pensionistiche con decorrenza anteriore al 1° gennaio 2017.

Per la consulenza e l'assistenza necessarie, rivolgiti alla più vicina sede dell'Inas Cisl: gli indirizzi si trovano su www.inas.it, oppure chiamando il numero verde 800 249 307. Ricordiamo che la consulenza offerta dall'Inas è assolutamente gratuita.

Argomenti correlati: Disabilità visiva - Lavoro